Home » Il mondo ritrovato di Louis-François Pinagot. Sulle tracce di uno sconosciuto 1798-1876 by Alain Corbin
Il mondo ritrovato di Louis-François Pinagot. Sulle tracce di uno sconosciuto 1798-1876 Alain Corbin

Il mondo ritrovato di Louis-François Pinagot. Sulle tracce di uno sconosciuto 1798-1876

Alain Corbin

Published
ISBN : 9788811692782
Hardcover
278 pages
Enter the sum

 About the Book 

Louis-François Pinagot è nato nel 1798, in un minuscolo villaggio della Normandia, ai limiti della foresta. Ha sempre vissuto nella regione. Per guadagnarsi da vivere, fabbricava zoccoli. Non sapeva né leggere né scrivere. Non è mai stato soggetto adMoreLouis-François Pinagot è nato nel 1798, in un minuscolo villaggio della Normandia, ai limiti della foresta. Ha sempre vissuto nella regione. Per guadagnarsi da vivere, fabbricava zoccoli. Non sapeva né leggere né scrivere. Non è mai stato soggetto ad alcuna sorveglianza da parte delle autorità. Nessun etnologo lha mai osservato. Alla sua morte, nel 1876, è silenziosamente scivolato nelloblio.Alain Corbin lha scelto – trovando a caso il suo nome negli archivi – per dare inizio a unindagine rivelatrice e appassionante, che radicalizza e insieme mette in discussione alcune tendenze della moderna storiografia. Ha voluto capire e raccontare chi fosse e che cosa potesse pensare il più comune dei mortali – un uomo del popolo, uno dei milioni di esseri umani che ci hanno preceduto nel corso della storia senza lasciare tracce.Con la maestria del grande narratore, sulla base di tracce minuscole, Corbin ricostruisce luniverso di Louis-François: il paesaggio in cui era immerso, le relazioni sociali e familiari, limpatto con gli eventi storici. È una ricostruzione vibrante e illuminante, dove riecheggiano suoni e odori dimenticati, e riemergono emozioni, atteggiamenti, mentalità.Il mondo ritrovato di Louis-François Pinagot è anche una riflessione sul senso della storia e della memoria, sul brulicare dellumanità nel corso dei secoli, sul destino – forse inconsapevole – di un individuo e sulla sua sparizione nella massa indistinta dei morti. È un modesto tentativo di invertire il corso di un progresso che vede i bulldozer cancellare i cimiteri di campagna.